L'enfant terrible non rinuncia all'animo punk, all'irriverenza, agli eccessi.
Le modelle sfidano la passerella tenendo in mano il numero di look, 1,2,3, si gioca!
Il doppiopetto gessato si porta con shorts a balze, giacca e panciotto mantengono la texture ma scelgono i pantaloni morbidi con il risvolto, tagli imprevedibili fendono le maniche delle camicie, mentre le t-shirt marinare richiedono guanti di pelle dark.
Il trench è fluido, leggero, arrendevole, si riaffaccaino i top effetto tatoo, ma lievi, la giacca decorata scopre il top drappeggiato portato con i bermuda al ginocchio, le giacche di pelle sono strizzate da cinture e nodi, gli spacchi delle gonne lasciano sfuggire i pantaloni.
Le gonne al ruota ci riportiamo agli anni 50, le giacche con la baschina ai 40,le tute ai 70, è un viaggio nel tempo dove Gaultier sceglie e rivisita a proprio piacimento.

(Gaia De Vecchi)