Ha un'allure futurista la donna mandata in passerella da David Koma per l'autunno inverno 2013-2014. Aprono e chiudono la sfilata una serie di capi total black, interrotti da proposte in grigio, nude, rosso corallo, blu petrolio e bagliori metallici. Rinomato per la sua lavorazione della pelle, Koma ha voluto giocare con i materiali, creando dei pezzi semicircolari e rigidi – che ricordano i vecchi dischi in vinile –, che imbragano il corpo enfatizzando la silhouette femminile. Le linee sono infatti vicine al corpo, ma rielaborate da ampi inserti oversize che compaiono sul bavero, sui fianchi o al posto della gonna. I tagli sono grafici e mai scontati. Gli scolli creano aperture a cuore o sono all'americana. O, ancora, mixano stili diversi sovrapposti in texture dalla mano opposta, dall'organza alla pelle fino alle materie plastiche come il PVC. I volumi sono strutturati, le linee esagerate. © Riproduzione riservata