Rocce giganti sospese dal soffitto. Da 3.1 Phillip Lim il set la dice lunga sul tema in passerella: la montagna, con gli annessi sport ad alta quota. L'ispirazione, lungi dal restare pedissequa, si declina secondo le categorie dell'urban e dello streetwear, luoghi comuni cari al designer. C'è sì il matelassé del corpetto da alpinista, ma qui serve per lunghi gilet da bellimbusto metropolitano. Il wrap-coat che riesuma i modelli delle prime spedizioni sull'Everest è allacciato, con molta disinvoltura, dal morsetto in metallo dello scalatore. Il resto è una variazione sui capispalla di stagione, dal montone al parka, passando per il bomber in pelle. Il motivo delle corde, ripreso come stampa sulla blusa zippata, è meno riuscito nei cardigan e nelle t-shirt intrecciate. Belle le tute, specialmente quelle in flanella, a conferma di un trend già avvistato altrove.

© Riproduzione riservata

© Riproduzione riservata