Trionfo di mini, midi e long dress sulla passerella di Rachel Comey; la designer sceglie una palette delicata, soffice e neutra che esplode in stampe decise e in colorblock strong. Si apre con l'abitino sopra il ginocchio ricamato, si prosegue con una lunghezza media e forme danzanti, non si tralasciano i pantaloni over che scoprono le caviglie, ci si lascia incantare dagli shorts metallici portati con la camicia bianca. Si mescola il cipria con il nero, per un effetto lingerie, ci si affida alle stampe effetto camouflage, menre i profili degli abiti si lasciano ricoprire di rouches leggere e tulle. Costruzioni complesse per l'abito bustier, che esige drappeggi e ricami floreali, minimalismo estremo per l'abito midi profilato di pelle; i top si accorciano e le gonne optano per la vita alta, gli spolverini scelgono ampiezze over e stmpe floreali. Spazio anche al beachwear dalle spalline sottili rifinito da tagli strategici, fiocchi e fiocchini. (Gaia De Vecchi)