In evidenza

I 5 errori più comuni da evitare nell’arredamento della sala da pranzo

Valentina Silvestrini

Cosa ci vorrà mai a scegliere tavole, sedie, madia o credenza per la sala da pranzo? Attenzione a non cadere nella rete degli errori, con combinazioni di dubbio gusto e soluzioni poco convincenti.

Associata al salotto, in continuità con la cucina oppure del tutto indipendente perché allestita in una stanza autonoma, la sala da pranzo non è esente da imprecisioni ed errori sul fronte dell’arredamento.

La mancata coerenza tra gli arredi chiave di questo vano – tavolo, sedie, madia o credenza – può originare risultati poco convicenti e investimenti inutili.

Inoltre, un’impropria definizione dell’identità cromatica o un’illuminazione ridotta possono trasformare la permanenza – soprattutto prolungata, come previsto dai lunghi pasti – in un’esperienza persino faticosa.

Proviamo a definire alcuni punti fermi dell’arredamento della sala da pranzo, con l’obiettivo di prendere le distanze dagli errori più comuni!


Errate dimensioni del tavolo

Arredo chiave della zona giorno, il tavolo della sala da pranzo merita cautela e riflessione prima dell’acquisto. Come evitare di scegliere il modello sbagliato? Robustezza e affidabilità dei materiali, versatilità e facilità di impiego di elementi come le prolunghe come sono tra gli aspetti essenziali; attenzione però a non errare sulle dimesioni e sull’imgombro della struttura portante. Eseguite quindi un rilievo preciso della vostra zona giorno e provate a sedervi su ciascuno dei lati del tavolo per “testarlo” e sceglierlo senza alcun dubbio. 

Photo Credits:Tavolo in legno massello allungabile rettangolare; Modello ZEUS; Design by Giuliano Cappelletti, Gabriele Cappelletti; Produzione Pacini & Cappellini


Mancanza di coerenza tra gli arredi

Cosa salta agli occhi quando si osserva una zona giorno per la prima volta? Spesso a convincere è la coerenza del progetto di arredamento nel suo complesso. Solo una progettazione accurata, meglio se affidata a personale specializzato, è in grado di valorizzare tutto lo spazio e ciascuna parete. Ad esempio, la presenza di richiami cromatici o materici possono rendere la zona giorno un ambiente gradevole, nel quale è piacevole soggiornare e trattenersi.

Photo Credits: Mobile bar in legno massello; Modello Baroso; Design by Laszlo Szikszai; Produzione sixay furniture 


Un’illuminazione sbilanciata

Vietato sbagliare l’illuminazione diretta sul tavolo da pranzo, così come l’illuminazione complessiva della sala da pranzo. Scegliete quindi modelli in grado di distribuire la luce sull’intera piano di appoggio, anziché concentrarla in un’unica porzione che, inevitabilmente, determinerebbe fastidiose zone d’ombra. Indipendentemente dalle dimensioni della stanza, abbiate cura di associare più lampade: in questo modo potrete variare le condizioni di luce a seconda dell’attività svolta. L’uso il tavolo per una cena con gli amici oppure per una tombola in famiglia richiedono infatti illuminazioni diverse.

Photo Credits: Lampada a sospensione a luce diretta in acciaio verniciato a polvere; Modello LORI; Design by Giulio Giacomozzi; Collezione English Mood; Produzione Gibas


Un impianto rigido

Acquistare un numero eccessivo di arredi, scegliere un tavolo ingombrante e “fagocitante”, preferire lunghissime panche alle sedie salvo poi non poterle chiudere o spostare perché troppo pesanti: è ampia la gamma degli errori che concorre a definire un “impianto rigido” e scarsamente in grado di assecondare la “naturale evoluzione” della sala da pranzo nel lungo periodo.

Photo Credits: Sedia imbottita in tessuto; Modello BEA; Design by Roberto Lazzeroni; Produzione Lema


Mancanta identità cromatica

Come in tutte le stanze della casa, anche nella sala da pranzo un ruolo di primo piano è associato al colore. Fissare una palette cromatica precisa, nel rispetto delle dimensioni del vano e delle condizioni di illuminazione naturale, contribuisce a definire un ambiente attraente anche dal punto di vista visivo.

Photo Credits: Credenza sospesa con ante a battente; Modello PASS-WORD; Collezione Pass-Word; Produzione Molteni&C

Outbrain
arredamentosala da pranzo Leggi l'articolo su Grazia.it

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.