È un inno al nero e alle sue mille sfaccettature semantiche la nuova collezione disegnata da Manuela Arcari per Ter et Bantine: la designer parte da questa scelta cromatica assoluta per eliminare il superfluo, concentrando l'attenzione sull'essenza delle forme e sulla precisione del taglio, e mettendo in primo piano la donna che andrà a indossare gli abiti, non viceversa.  Giacche oversize con imbottitura e cappotti con interno in pelo di mongolia vengono alleggeriti dalle silhouette fluide e verticali e dalle stratificazioni di tessuti diversi, mentre le fodere bianche a contrasto regalano un mood grafico e impalpabile. Lane jacquard, maglie spesse e pellicce voluminose incontrano le linee slim delle lunghe gonne e dei pantaloni affusolati da smoking, mentre riflessi di paillettes discrete e ricami jacquard arricchiscono la sera di un'allure preziosa e chic.