In evidenza

Cosa fare a Roma nel weekend del 10 e 11 febbraio

Beatrice Tomasini

Mostre, eventi e festival gastronomici: ecco tutto quello che vi serve sapere per decidere cosa fare a Roma questo weekend

Finalmente è arrivato il fine settimana e Roma è pronta a offrire arte, mostre e spettacoli a teatro: ecco allora dieci idee per decidere cosa fare.

Per i foodie, non perdetevi l’”Hamburger Festival” da Eataly con tante proposte, nuove varianti e corsi per imparare a preparare il panino perfetto.

Venerdì si festeggia il Carnevale al Sanctuary con una festa fino a notte fonda: il “Voodoo Karnaval” vi aspetta tra maschere e rituali misteriosi.

Se vi piace andare a teatro, non perdetevi lo spettacolo del trasformista Arturo Brachetti in scena al Sistina.

E poi continua il successo della mostra “The Pink Floyd Exhibition” al Macro.

Continuate a leggere per saperne di più, non vi basterà un weekend per fare tutto!

(Continua sotto la foto)

Hamburger Festival da Eataly

Questo fine settimana torna l’Hamburger Festival da Eataly con tante proposte da venerdì a domenica come il Trufflecheeseburger, il Winter Burger (carne di manzo, gorgonzola, speck e maionese di barbabietola) o l’Amatrix Burger con guanciale di Amatrice.

Da abbinare una vasta scelta di birre e vini.

Non mancheranno piatti speciali nei ristorantini tematici, in osteria e in birreria come l’hamburger vegano, quello realizzato con carne di maiale e il burger di baccalà fritto.

E poi corsi di cucina per preparare il panino perfetto e laboratori per bambini.

Mostra Magnum Manifesto all’Ara Pacis

Al museo dell’Ara Pacis va in scena la mostra fotografica “Magnum Manifesto” in cui le immagini celebri e i grandi reportage dei suoi autori permettono di comprendere in che modo e perché questa agenzia fotografica sia diventata diversa, unica e leggendaria. 

Dal reportage sui lavoratori immigrati negli USA, realizzato da Eve Arnold negli anni Cinquanta, ai ritratti di “famiglia”, teneri e intimi, di Elliott Erwitt; dalle celebri immagini degli zingari di Josef Koudelka, fino alla toccante serie realizzata nel 1968 da Paul Fusco sul “Funeral Train”, il treno che trasportò la salma di Robert Kennedy nel suo ultimo viaggio verso il cimitero di Arlington, attraversando un’America sconvolta e dolente.

E ancora, le serie più recenti dei nuovi autori di Magnum: dalla “Spagna Occulta” di Cristina Garcia Rodero, alle osservazioni antropologiche, sotto forma di fotografie, realizzate nel mondo da Martin Parr; dalla cruda attualità del Sud America documentato da Jérôme Sessini, fino al Mar Mediterraneo, tenebroso e incerto nelle notti dei migranti, fotografato da Paolo Pellegrin.

Il curatore, Clément Chéroux ha selezionato una serie di documenti rari e inediti, immagini di grande valore storico e nuove realizzazioni, per illustrare come Magnum Photos debba la sua eccellenza alla capacità dei fotografi di fondere arte e giornalismo, creazione personale e testimonianza del reale, verificando come il “fattore Magnum” continui a esistere e a rinnovare continuamente il proprio stile.

Biglietto intero 11 euro.

Cupcakes weekend da Bakery House

Sabato e domenica vi aspetta il “Cupcakes Weekend” da Bakery House occasione unica in cui potrete scegliere e comporre il vostro cupcake personalizzato combinando tante diverse basi, frosting, creme e decorazioni!

L’iniziativa coinvolgerà entrambi gli store Bakery House: via Riano 11, Ponte Milvio e Corso Trieste 157, Piazza Istria.

Voodoo Karnaval

Musica, rituali, maschere e spettacoli: venerdì al The Sanctuary si festeggia il “Voodoo Karnaval” con Chelsea Como, Nixxie, Ayamoon, John John e Glauco Di Mambro.

Free entry.

The Sanctuary via Delle Terme di Traiano.  

Da provare… Eggs

Se vi piace la carbonara e soprattutto siete curiosi di scoprire tante ricette sfiziose a base di uova allora “Eggs” è il posto che fa per voi.

Il locale è molto piccolo ma grazioso con cucina a vista e servizio veloce e simpatico: si trova in una tranquilla viuzza lontana dal caos nonostante si trovi a Trastevere a pochi passi da piazza Trilussa.

“Eggs” non poteva che proporre tante versioni di carbonara come quella classica con guanciale di Campofelice, la “Nera” al tartufo, la versione con cipolla caramellata o carciofi croccanti.

E poi lo stecco di carbonara fritta e altri sfizi a base di uova.

Tra i dolci da non perdere la creme brulè.

Consigliata la prenotazione.

Eggs, vicolo del Cedro 26.

La città invisibile all’Ex Dogana

Sabato all’Ex Dogana a San Lorenzo vi aspetta la “Città Invisibile”.

Ritirate il vostro passaporto all’ingresso e potrete visitare un teatro dei dannati del 1940, entrare in un american bar degli anni ’50, entrare in contatto gli hippies anni ’60 o volare nella disco-ball anni ’80. 

Sì perché vi aspetteranno 4 sale allestite con ambientazioni dell’epoca e musica del periodo storico a cui fanno riferimento. 

Nel Quartiere Anni ’40 non poteva mancare lo swing made in Usa; nel Quartiere Anni ’50 il rock and roll, Chuck Berry, Elvis Presley, il decennio dei blue jeans, delle prime t-shirt, delle pin up e dei pattern a pois. 

E poi i mitici ’60, gli anni dei Beatles e di Andy Warhol, della plastica colorata, della rivoluzione dei costumi, dei figli dei fiori, delle mini gonne, dei fiori nei cannoni. 

E ancora il Quartiere Anni ’80 – ’90 – ’00: dall’edonismo targato 80s, fino agli anni del walkman riavvolto con la Bic e del floppy disk, del bungee jumping, gli anni delle Dr. Martens e delle camicie di flanella, terminando con il Millennium Bug. 

Ex Dogana, Via dello Scalo San Lorenzo, 10

The Pink Floyd Exhibition al Museo Macro

Dopo l’enorme successo di Londra, è arrivata anche in Italia “The Pink Floyd Exhibition: Their Mortal Remains” al museo Macro di via Nizza.

Si tratta di una retrospettiva epocale a 50 anni dalla nascita di uno dei gruppi musicali più innovativi e influenti della storia.

La mostra, grazie alle installazioni sonore a cura di Sennheiser, racconta quale fu il ruolo della band nel cruciale passaggio culturale dagli anni Sessanta in poi.

Cuore della mostra è l’attesissimo mixaggio della leggendaria performance dei Pink Floyd di Comfortably Numb al Live 8, che viene riprodotto attraverso la tecnologia AMBEO.

Biglietto intero 18 euro.

Fino al 1 luglio 2018.

www.pinkfloydexhibition.com.

Arturo Brachetti al Sistina

Dopo il debutto a Parigi, arriva in Italia al Teatro Sistina il nuovo “one man show” di Arturo Brachetti“SOLO, the Master of quick change”. 

Reale e surreale, verità e finzione, magia e realtà: tutto è possibile insieme al grande maestro internazionale di quick change che ritorna con un varietà surrealista e funambolico.

Nel nuovo spettacolo, protagonista è il trasformismo, quell’arte che lo ha reso celebre in tutto il mondo e che qui la farà da padrone con oltre 60 nuovi personaggi, portati in scena per la prima volta.

Ma in “SOLO” Brachetti propone anche un viaggio nella sua storia artistica, attraverso le altre affascinanti discipline in cui eccelle: grandi classici come le ombre cinesi, il mimo e la chapeaugraphie, e sorprendenti novità come la poetica sand painting e il magnetico raggio laser.

Il mix tra scenografia tradizionale e videomapping, permette di enfatizzare i particolari e coinvolgere gli spettatori nello show.

Biglietti a partire da 36 euro; venerdì e sabato ore 21, domenica ore 17.

Mostra di Monet al Vittoriano

La mostra Monet, prorogata fino al 3 giugno nella sede del Complesso del Vittoriano – Ala Brasini, propone al pubblico 60 opere del padre dell’Impressionismo prevenienti dal Musée Marmottan Monet di Parigi.

Monet trasformò la pittura en plein air in rituale di vita e – tra la luce assoluta e la pioggia fitta, tra le minime variazioni atmosferiche e l’impero del sole – riuscì a tramutare i colori in tocchi purissimi di energia, riuscendo nelle sue tele a dissolvere l’unità razionale della natura in un flusso indistinto, effimero eppure abbagliante.

Il percorso espositivo rende conto, oltre che dell’evoluzione della carriera di Monet, anche delle sue molteplici sfaccettature, restituendo la ricchezza artistica della sua produzione.

Dalle celebri caricature della fine degli anni 50 dell’800 ai paesaggi rurali e urbani di Londra, Parigi, Vétheuil, Pourville – e delle sue tante dimore; dai ritratti dei figli alle tele dedicate ai fiori del suo giardino, fino alla modernissima resa dei salici piangenti, del viale delle rose o del ponticello giapponese, e poi alle monumentali Ninfee, che deflagrano nel pulviscolo violetto e nella nebbia radiosa.

Tra i capolavori in mostra: Portrait de Michel Monet bébé, Ninfee, Le Rose, Londres. Le Parlement. Reflets sur la Tamise. Biglietto intero 15 euro.

Mercato Monti

Voglia di vintage?

Fate un salto al Mercato Monti in via Leonina 46 dove, sabato e domenica dalle 10 alle 20, vi aspetteranno vestiti, borse e oggettistica di giovani artigiani, designer e stilisti.

Ingresso libero.

Outbrain
Cosa fare a Roma Leggi l'articolo su Grazia.it

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.