In evidenza

Perché leggere ci rende più felici

Elisa Castellano

Se non vi piace leggere, è il momento di cambiare. La scienza ci dice che chi si immerge nella lettura sarà più felice, vi spieghiamo i motivi.

Leggere rende felici

Lo dice una ricerca realizzata da GeMs in collaborazione con l’Università di Roma Tre. Secondo questo studio, l’indice di felicità dei lettori è pari a 7,44 mentre per i non lettori si scende a 7,21.

E non è finita qua, i lettori sembrano anche essere più soddisfatti per l’uso del proprio tempo libero, sono più ottimisti e meno aggressivi.

Insomma la lettura sembra essere una vera e propria arma per liberarsi dallo stress ed essere più entusiasti della vita.

Vi facciamo vedere perché chi legge è più felice.

È terapeutico

Si chiama biblioterapia ed è una modalità di sostegno e autoaiuto attraverso la lettura di libri.

Leggere comporta l’acquisizione di conoscenza e consapevolezza tanto che diventa terapeutico sia per le persone che vogliono conoscere di più dei propri meccanismi a causa di un disagio, sia per coloro che vogliono scoprire nuove parti di sè.

Molti psicologi prescrivono un libro per aiutare le persone nel loro percorso verso il cambiamento ed arrivare a essere più felici.

Si apre la mente

Leggere vi permette di guardare al di là del vostro orticello.

Che si legga un romanzo, un testo formativo, un articolo o qualsiasi altra tipologia di testo, poco importa.

Potrete confrontarvi con il punto di vista dell’autore e scoprire che ci sono tanti modi, ugualmente validi, per vedere la stessa cosa.

Aprirete la mente e vi sentirete più completi.

Ci si rilassa

La lettura è un’attività che si può intraprendere in qualsiasi momento della giornata per avere un momento di relax e scacciare lo stress che spesso ci tormenta.

Leggere è un ottimo modo per concedersi una coccola da dedicare solo al nostro benessere.

Promuove la positività

Il Centro Studi dell’Università di Roma Tre ha scoperto che i lettori sono maggiormente propensi a vivere emozioni positive rispetto ai non lettori.

Volete che tristezza, rabbia e paura siano solo un brutto ricordo? Cominciate a leggere!

Outbrain
Leggi l'articolo su Grazia.it

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.