In evidenza

Dieci libri d’amore che amerete alla follia

Laura Frigerio

Libri d’amore da leggere per tuffarsi in mondi paralleli e condividere storie, emozioni e sentimenti: 10 libri romantici da leggere assolutamente d’un fiato

I libri d’amore sono quanto di più vario e vasto esista in letteratura.

Non solo perché ogni storia d’amore è unica e diversa, ma anche perché alcune hanno il loro lieto fine, altre assumono toni drammatici, altre ancora hanno un retrogusto piccante o fantasy.

In un’offerta così ampia viene da sé che non sia immediato trovare un libro ben scritto e una storia che riesca ad appassionarci davvero.

Ecco perché abbiamo deciso di passarvi una lista di titoli degli ultimi anni che vale la pena leggere e che vi assicuriamo essere in grado di conquistarvi.

(Continua sotto la foto)

Come un uragano, di Nicholas Sparks (2002)

Siamo nella Carolina del Nord, nel 1988.

Adrienne, madre di tre figli ed è già nonna, decide di raccontare alla figlia depressa quanto successo quattordici anni prima.

All’epoca era una donna separata, dato che il marito si era innamorata di una collega.

Un giorno venne contattata da un’amica, che le chiese di sostituirla nella gestione della sua locanda e lei decise di accettare.

In quell’occasione conobbe un medico di nome Paul, per alcuni giorni unico cliente della locanda, con il quale iniziò una tenera amicizia complice anche l’arrivo di un uragano.

Lei convinse l’uomo a risolvere i suoi problemi con figli, residente in Ecuador, con la promessa di rivedersi. Però il destino si rivelò crudele.

Edito da Sperling

L’amore quando c’era, di Chiara Gamberale (2011)

Amanda Grimaldi scopre che il padre di Tommaso, il suo ex che lei stessa aveva lasciato senza motivo dodici anni prima, è morto e quindi gli invia una e-mail di condoglianze.

I due ricominciano così a sentirsi, incuriositi dallo scoprire cosa ne è stato dell’altro.

Lui sembra felice della sua vita attuale, ma non si può dire lo stesso di lei che si sente sempre insoddisfatta.

Edito da Mondadori

Noi, di David Nicholls (2014)

Alla fine degli anni ’80 il trentenne Douglas, dottore in biochimica dedito al lavoro, conosce a casa di sua sorella Connie una ragazza affascinante ed elegante che ama frequentare gli artisti.

Dopo più di vent’anni li ritroviamo sposati e con un figlio di nome Albie.

Nonostante il passare del tempo lui la ama come il primo giorno, ma purtroppo una sera, mentre stanno per addormentarsi, arriva la doccia fredda: lei gli comunica che sta per lasciarlo.

Edito da Neri Pozza

Ovunque tu sarai, di Fioly Bocca (2017)

Anita vive da anni a Torino, ma è cresciuta sulle Dolomiti dove torna sempre più spesso per via della terribile malattia che ha colpito sua madre.

Per farle sentire il suo amore, le scrive ogni sera una e-mail per augurarle la buona notte ma evita di raccontarle che le cose non le vanno poi così bene, né sul lavoro che nella vita privata.

Durante uno dei suoi tanti viaggi in treno, la donna conosce Arun, uno scrittore italo-cambogiano che riesce subito a cogliere la sua tristezza.

Tra i due nasce qualcosa e lei è sempre più convinta che lui non sia altro che un regalo lasciatole in eredità dalla madre.

Edito da Giunti

Amori e disamori di Nathaniel P., di Adelle Waldman (2015)

Dopo anni di sacrifici, Nathaniel Piven è riuscito finalmente a firmare un contratto per il suo primo romanzo e questo gli ha fatto anche guadagnare lo status di desiderabile sul mercato sentimentale della scena letteraria newyorkese.

Un giorno incontra Hannah, aspirante scrittrice, che lo metterà seriamente in difficoltà dato che non è la tipica donna disposta a lasciarsi incasellare, almeno di questo è convinta lei.

Edito da Einaudi

Un giorno, di David Nicholls (2010)

È il 15 luglio 1988.

Emma e Dexter si sono appena laureati e sono finiti a letto insieme, ma il giorno dopo dovranno dirsi addio per seguire le loro strade, agli antipodi.

Ma per loro il 15 luglio rimarrà sempre una data speciale: ovunque si trovino, in qualunque cosa siano occupati, la scintilla di quella notte d’estate tornerà a brillare. E così avviene per ben vent’anni.

Edito da Neri Pozza

Volevo solo avverti accanto, di Ronald H. Balson (2014)

È la prima dell’Opera di Chicago e tutti aspettano l’arrivo di Elliot Rosenweig, il più ricco e importante mecenate della città.

All’improvviso fra la folla compare un anziano che punta una pistola alla testa di quest’ultimo, accusato di essere in realtà un criminale nazista.

L’uomo viene fermato, ma non la sua rabbia – e mentre chiede aiuto alla giovane avvocatessa Catherine Lockhart veniamo a conoscenza di una storia d’amore che ha superato difficoltà inimmaginabili.

Edito da Garzanti

La ragazza che hai lasciato, di Jojo Moyes (2014)

Siamo in Francia, nel 1916.

Sophie, moglie del pittore Édouard Lefèvre (allievo di Matisse), è rimasta sola dopo che il marito è partito per il fronte allo scoppio della Grande Guerra.

Quando scopre che lui è stato catturato, è disposta a tutto per riaverlo, anche offrire ciò che ha di più caro ovvero il quadro La ragazza che hai lasciato.

Ci troviamo poi a Londra, 2010.

Liv ha solo trent’anni, ma è già vedova.

Un giorno incontra per caso Paul e ne viene subito attratta. L’uomo lavora per una società che si occupa di rintracciare opere d’arte trafugate durante la guerra e a casa di Liv non può fare a meno di notare un quadro che cercava da tempo e che un secolo prima apparteneva a Sophie.

Come sarà arrivato fino a lei?

Edito da Mondadori

Longbourn House, di Jo Baker (2014)

Ispirato al non detto di Orgoglio e pregiudizio, Longbourn House racconta la vita piuttosto movientata della servitú di casa Bennet nell’Inghilterra di inizio Ottocento.

A farci da guida sarà la schietta e giudiziosa Sarah, cameriera diciottenne cresciuta in casa Bennet dopo un’infanzia passata all’orfanotrofio, che si barcamena tra le innumerevoli faccende da sbrigare.

Lei purtroppo non ha mai avuto tempo per sognare, a differenza delle figlie del signor Bennet, ma quando fa la sua comparsa un giovanotto di nome James Smith tutto cambia.

Edito da Einaudi

La distanza da Helsinki, di Raffaella Silvestri (2014)

Viola e Kimi sono molto diversi.

Lei ha quindici anni, vive a Milano ed è inquieta.

Lui è finlandese, timido e fissato per l’ordine.

I due si conoscono a Londra, dove sono a seguire un corso di inglese e trovano, nonostante tutto, molti punti in comune.

Tra loro nasce un amore difficile, segnato dai silenzi più che dalle parole e destinato a turbare la vita di entrambi.

Edito da Bompiani

Outbrain
libri Leggi l'articolo su Grazia.it

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.