In evidenza

Come fare una lista di buoni propositi che riusciremo a realizzare

Elisa Castellano

Il Capodanno è il momento giusto per stilare una nuova lista dei buoni propositi: ecco come realizzarne una che sia davvero realizzabile

Con il Capodanno speranze, sogni e desideri si accavallano in una to do list mentale che ci porta a fare il punto di quello che abbiamo raggiunto e degli obiettivi che vogliamo perseguire nell’anno nuovo.

Se volete realizzare ciò che avete in mente, dovreste considerare l’idea di stilare una lista di buoni propositi che non sia solo mentale, ma messa in nero su bianco.

Creare una dream list scritta infatti vi aiuterà a focalizzare i vostri obiettivi in modo da non deviare facilmente l’attenzione da essi.

Vi mostriamo i passi corretti per creare la vostra lista dei buoni propositi 2018.

(Continua sotto la foto)

1. Create una brutta copia

Prendete un foglio per creare una bozza di quella che sarà la lista dei buoni propositi perfetta.

Scrivete di getto tutto quello che vorreste realizzare o migliorare nella vostra vita.

Guardate i vostri desideri su carta e convincetevi del fatto che, se potete pensarlo, potete anche realizzarlo.

2. Scremate

Adesso è il momento di concentrasi su quello che vorreste realizzare nel nuovo anno.

Potreste, ad esempio, chiedervi quali sono i desideri che potreste concretamente coltivare e a quali di questi darete la priorità.

Rispondendo a queste domande potrete selezionare i propositi che saranno protagonisti del 2018.

3. Pensate a micro obiettivi

Adesso che avete scelto i desideri più importanti da realizzare, create dei sotto obiettivi raggiungibili.

Attenzione perché questi dovranno essere reali e concreti, in modo da poterli raggiungere per arrivare, a piccoli passi, al vostro (macro) proposito.

Dite sì alle difficoltà che arriveranno, prendetele come esperienze da cui imparare e andate avanti fino alla meta.

4. Aggiungete i dettagli

Datevi delle tempistiche precise entro le quali raggiungere gli obiettivi e provate a individuare gli strumenti per farlo.

Ad esempio, se il vostro proposito è diventare più altruisti, potreste scrivere che farete beneficenza in un luogo (da specificare) entro i primi due mesi dell’anno.

Lo strumento da usare? Ovviamente l’empatia.

Adesso potrete ricopiare tutto in bella copia e appendere la vostra dream list in un luogo dove potrete averla sempre davanti agli occhi. 

Sarà la vostra più grande motivazione.

Outbrain
Capodannopsicologia Leggi l'articolo su Grazia.it

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.