Sarà forse per le sue origini coreane, ma le collezioni portate in scena da Wooyoungmi sono sempre esempio di una buona classicità contemporanea. Abiti dalle silhouette pulite, senza eccessi, che per il prossimo autunno inverno ben riassumono le principali tendenze che abbiamo riscontrato sulla maggior parte delle passerelle. Innanzitutto l’ispirazione militare: la troviamo, per esempio, nei completi camicia pantalone verde mimetico, portati con lunghi cappotti in lana pesante. Poi le silhouette. Riviste rispetto alle scorse stagioni: la parte superiore del corpo rimane avvitata, quella inferiore si ammorbidisce e allarga. Infine, i capi rubati dagli armadi dei gangster. Gessato in primo piano e giacche a doppio petto. Non manca l’attenzione verso gli accessori: cappelli a tesa e maxi sciarpe. Unica nota di colore rispetto ai classici toni invernali, l’arancione, declinato però in una variante spenta ed elegante. (Giada Borioli)