Ventisei abiti per ventisei modelle segnano il ritorno in passerella dell'alta moda di Versace. Già la scorsa stagione Donatella aveva portato sotto ai riflettori una collezione di haute couture, ma era dal 2004 che gli splendidi capi dell'alta moda della medusa non calcavano le scene del Ritz di Parigi. E il ricordo, quello della stilista e quello dei capi che ha presentato, non possono che andare al grande Gianni. La collezione ne è una testimonianza, anche a dire di Donatella: "Creare uno stile mio, senza perdere il DNA della maison, non è stato facile". Ma ci è riuscita. E ha mandato in passerella una lunga proposta di abiti strutturati con corpetto e lacci di seta, di vestiti lunghi con la gonna in organza colorata ed effetto nuvola, di spacchi vertiginosi e tacchi killer. Le stampe sono rubate ai tarocchi, con tanto di lune, arcani e soli. Abiti e soprabiti sono fermati in vita da cinture bustier plastificate, mentre gli abitini sembrano modellati direttamente sul corpo delle modelle, tanto ne seguono le forme. Il tutto illuminato da migliaia di Swarovski applicati uno a uno sullo chiffon di seta. Gli accessori non sono da meno: sulle mani delle modelle risplendono giganti anelli con smeraldi e brillanti della nuova linea joielleirie. Impressionante il numero di celebrity presenti al grande ritorno: da Pierce Brosnan a Riccardo Tisci, passando per Prince e Jessica Alba. (Giada Borioli)