Il rodaggio di Gaia Trussardi alla sua seconda collezione (dopo la prima al maschile dello scorso giugno) procede per piccoli passi, ma procede risoluto. E dall'immaginario della casa del levriero pesca un tema qui assai divulgato, la passione per il viaggio. L'itinerario si snoda sulle highway americane, trasfigurate nei colori sbiaditi e polverosi di un paesaggio texano o nel nero plumbeo per passaggi più metropolitani. I motivi più in voga del momento, come già testimoniato altrove, s'inseriscono con grande astuzia nel quadretto. Il pitone, in primis, per le bandane annodate al collo che fanno il paio col cappello da cowboy, lo sparato della camicia, la blusa e la gonna in velo di studiata malizia- e così anche il trend della trasparenza è rispettato. C'è poi il vanto ereditario della pelle, un materiale reso duttile e fluido per pantaloni arricciati alla vita da uno sportivissimo elastico, bomber preppy e calzoncini per sedurre le voglie chic della fashionista più giovane. Giacche belle di sartorialità mascolina, ma tanto corte da scoprire l'addome o sovrapporsi in un gioco di layering. A sera, più interessante del lungo con fascia sul seno a vista, la tuta metallizzata sfavillante d'oro.

© Riproduzione riservata