Martine Sitbon stupisce ancora una volta con le sue collezioni.  Si  ispira a diversi paesi, al Marocco, alla Cina, al Messico, ma non ne  rimane legata, così da creare la collezione etnica ma comunque  romantica. Le forme sono leganti, addolcite dai ricami a nido d'ape, i decori si  intagliano sui caftani, sulle bluse leggere, sugli abiti dalla forma a  trapezio. Tripudio di maglieria rigata che crea silhouette fascianti,  abiti dalle stampe leggere e dai colori acquosi, volumi insoliti.
Il tweed ha creato tubini e mini tute lasciando che fossero tempestate  da passamanerie e decorazioni importanti, lo chiffon e la seta sono  stati plissettati, stropicciati, sovrapposti lasciandosi cullare dai  colori della terra. (Gaia De Vecchi)