Difficile capire la linea sottile che separa l’abbigliamento formale da quello sportivo sulla passerella di Raf Simons. Che ha presentato, per l’uomo del prossimo inverno, abiti classici in tutto e per tutto, non fosse che sono lunghi al ginocchio e portati con scarpe da ginnastica e cappellino a elmetto. Giacche e cappotti, però, sono impeccabili. A mono o doppio petto, seguono il corpo e i dettami dell’abito sartoriale. Le uniche silhouette over sono quelle delle maglie, spesso bicolor, e delle maxi camicie da portare al posto del giacchino leggero. I colori spaziano dal blu navy, al verde acido, al bosco, con tocchi di senape e rosso bruciato. Quando si spengono i riflettori rimane un dubbio: era necessario abbinare alle sneakers il calzino a metà polpaccio? (Giada Borioli)