La collezione Ports 1961 pensata per l'uomo della prossima primavera lavora sulle silhouette. Attenzione puntata dunque su costruzioni architettoniche del capo, sulle stampe usate per creare effetti ottici di movimento e sui tessuti pregiati. La sartorialità rimane ben evidente in ogni abito, e rende l'intera collezione estremamente rigorosa, ma il tutto viene vivacizzato da una palette cromatica allegra ed estiva: ai grigi del classico guardaroba maschile si aggiungono i toni del giallo limone, del verde mela, della papaya e del rosa ortensia. Il tutto reso pregiato dalle texture scelte, tra cui sono da prediligere la seta quasi impalpabile, il tasmania o il super 160s. Grande spazio alle stampe, su camicie in garza e pantaloni di seta: dettagli botanici astratti, ingigantiti al punto da trasformarsi in geometrie. Attenzione, poi, agli accessori, dove, ancora una volta, colore e sperimentazione sono le parole d'ordine. Slip-on con tomaie dalle forme classiche e suole sportive. Pastello, blu elettrico e  giallo intenso, proprio come per le shopping bag in pelle martellata, in daino e alligatore opaco. (Giada Borioli)