Inno al modernismo. Come piace a Neil Barrett, ossia ripensando i fondamentali del guardaroba maschile con salutari iniezioni di sportwear e precisione militare. Per sua stessa ammissione il punto di partenza dell'intera collezione è la felpa. Un capo immancabile nella sua gamma di proposte, talora di volume accresciuto, sagomato con pignoleria. Vi si ispirano i cappotti e i caban, per la struttura rigorosamente definita ma anche per l'estrema leggerezza e portabilità: a dispetto infatti di una texture corposa, assicurata spesso da effetti trapuntati, i modelli suggeriscono l'idea di un casual dinamico e versatile. Un sapore sportivo che si dichiara nelle zip e dei bottoni a pressione, nonché nell'uso della viscosa accanto alla lana fine. Nella generale pulizia dell'insieme il colore introduce una variabile vivace, fatta di sfumature in gradazione cromatica e passaggi da tessuto a tessuto nello stesso capo. Ristrettissima la palette: toni terrosi, blu e nero con l'intervallo di poche stampe ultragrafiche.

© Riproduzione riservata