Michelle Smith ama le donne, ama la femminilità audace, quella che mostra le curve, le mette in evidenza, e quella che non rinuncia alle trasparenze, all’underwear a vista, agli shorts cortissimi.
Sfrutta per la sua prossima collezione quelli che sembrano essere i must di stagione: la maglia a rete (che lascia intravedere, o come in questo caso vedere moltissima pelle) e i piccoli top, cortissimi o a reggiseno.
Per Milly il minimalismo e lo sportswear vengono interpretati in maniera sexy e sinuosa. Il bomber si, ma sulla gonna al ginocchio iper femminile, e la silhouette è perlopiù asciutta, ma con la vita alta, quasi stile impero, dal sapore leggermente anni cinquanta.
La designer americana pone moltissima attenzione alla ricerca dei tessuti e alle stampe, che disegna lei stessa. Quelle di questa collezione (vegetazione esotica, fiori e uccelli stilizzati, un paesaggio astratto) sono state ispirate da un viaggio in Giappone e dalle bellissime Hawaii.