Colore, lusso e luminosità. La sfilata di Matthew Williamson porta la luce del Nord in una Londra raffreddata da un vento gelido, riempendo la sala della Royal Opera House  di blu, verde acido e ghiaccio che risplendono sugli abiti lunghi a trapezio e sui top impreziositi. I capispalla sono riccamente lavorati, dal gusto quasi tribale, da mixare con l'importante stampa a fiori, una "rosa inglese che cerca nuove avventure" e che si ritrova così come motivo ricorrente su basi colorate diverse e in alcuni casi creando grazie ai ricami un effetto quasi 3d. Scompaiono le lunghezze mini, le gonne sono longuette dai plissé sottili, o lunghe fino ai piedi, spesso rese iridescenti dalle paillettes che le ricoprono e dalle sfumature di colori e stampe digitali. La sfilata si conclude con una leggera nevicata sulle modelle, a sancire che l'inverno (a/i 2013-14) sta arrivando, ma sarà soffice e splendido da indossare.