Barbe e chiome fluenti per la generale attitudine rock della prossima primavera targata Maison Martin Margiela . La prima proposta è già una cartina tornasole delle astuzie che tramutano l'insolito in desiderabile, il superfluo in assolutamente necessario. Prendi il completo in grigio inappuntabile, e doppia la camicia dal colletto lillipuziano con un cangiante girocollo sintetico. Aggiungi sotto il blazer un suo duplicato reciso a metà, come una baschina che la cintura in cuoio serra ai fianchi- e il gioco è fatto. L'idea del doppio registro di volumi e sovrapposizioni prosegue con i lembi di tessuto che sfuggono dalla t-shirt a mo' di kilt asimmetrico; con la maglieria trasparente come velo sotto cui s'intravvedono pendenti-amuleto di sapore hippie e sciarpe frangiute (altrove quest'ultime sono in velluto devoré). Di seta il gilet indossato sul torso nudo, vezzo da rockstar decadente, mentre i pantaloni si sfoggiano in morbido camoscio. Militareschi i capispalla, con caban da ufficiale e cappotti estivi dove affiorano studiate incrostazioni di ruggine.

© Riproduzione riservata