Un affresco grande tanto quanto l'America, da oceano ad oceano. O meglio, l'epopea della stile nell'iconografia statunitense. Ecco come Kim Jones incarna lo spirito nomade e viaggiatore di Louis Vuitton , con massicce dosi di eclettismo. Perché il completo formale del businessman rampante si concede una bandana annodata al collo- senza tralasciare la svenevolezza chic dell'impermeabile a vestaglia. E il giaccone da scout predilige la raffinatezza del camoscio, sebbene non rinunci al consueto corredo di galloni e gradi sul torso. Il preppy collegiale? Presente anche lui, con un bomber che si ritaglia nella seta. Nella stessa miscellanea di riferimenti e registri stilistici, la biker jacket della controcultura si presenta in lussuoso coccodrillo e il tie-dye sfuma nell'opulenza di ombreggiature floreali. A sera lo smoking, con collo preferibilmente a scialle, diffonde bagliori di jacquard. Con il logo del marchio che scintilla in un pattern di glitter.

© Riproduzione riservata