Un dialogo tra le grandi città del mondo. Così nasce la collezione per l’uomo firmato Louis Vuitton per il prossimo inverno. Sopra la passerella una gigantesca sfera su cui compaiono i nomi delle maggiori metropoli della moda, sotto ai riflettori, una collezione che parla, citando il designer Kim Jones, del “gusto francese così come è percepito all’estero. Uno stile che si è evoluto grazie alla globalizzazione, all’incontro tra stili e culture diverse sui marciapiedi delle stesse città”. Il risultato sono abiti dalle silhouette estremamente grafiche e dai materiali tecnici. Frequenti i dettagli rubati allo stile giapponese. Si passa dalla camicia kimono ai bomber in nylon (ma con il collo bordato di pelliccia). Dal coccodrillo sulle giacche dal taglio sportivo, alle mischie di seta e cachemire. Fondamentali, gli accessori, che si tratti di un cappello a basco o di uno scialle arrotolato al collo come fosse una sciarpa. (Giada Borioli)