Secondo Kris Van Assche la semplicità assoluta della t-shirt è naturalmente erotica. Noi gliene diamo atto, non senza dubitare che una passerella costruita tutta sul tema riesca alla fine piuttosto frigidina. Sui pantaloni che il cotone sottilissimo fa sembrare di nylon, con cintola a coulisse, la scelta è obbligatoria. Una maglietta. Oppure una camicia in popeline con maniche di maglietta. A seguire, neanche a dirlo, anche la giacca fa il bis: maniche di maglietta. Il gioco bicromatico del bianco e del nero aggiunge una nota illusionistica all'insieme, ma la spinta si esaurisce lì. Un'esecuzione perfettina, con esemplari di trench e bomber quantomeno godibilissimi, che lascia il rimpianto di una migliore ispirazione. (Gabriele Verratti)