Per la primavera estate 2014, Eva e Roberto Cavalli hanno puntato tutto sul mix fatale di ingredienti e ispirazioni diverse che, come risultato finale, offre un cocktail variegato di pattern, stampe, colori e forme.

C’è l’animalier, ci sono le stampe dall’effetto optical, ci sono i pattern a quadri che fanno tanto punk anni Novanta, ci sono le tonalità fluo e non mancano nemmeno i fiori tropicali. Le più svariate influenze si mescolano e si trasformano in vibrazione pura, in giovinezza –quasi- estrema. Le forme sono corte e strette: skinny pants a vita bassa, minigonne, crop top, abiti con spacco piuttosto vertiginoso e tutine aderenti che si aprono sul davanti scoprendo il petto. Il pantalone con zip, offre la curiosa -e astuta- alternativa di essere portato sia a vita alta, chiudendosi lateralmente, sia (come sfila in passerella) con la parte superiore abbassata, per rimanere coerente con il resto dei look.

Una collezione che fa girar la testa.