Punk e particolare come da tradizione la collezione proposta da Junya Watanabe per l'autunno inverno 2013-2014. Protagonisti sono i mix and match di tessuti estremamente diversi tra loro, con la pelle in primo piano e il tweed, la maglia o il jeans a fargli da contraltare. Sembra che si siano fusi una motociclista e una brava ragazza della campagna inglese. Il chiodo in pelle viene smontato e rimontato fino a trasformarsi in un abito al ginocchio. I jeans, portati larghi, a vita bassa e arrotolati sulla caviglia, sono composti da un patchwork di stampe e colori e si allargano fino a diventare gonne. I capospalla dal taglio sartoriale si arricchiscono di dettagli e tagli. Gli abiti mixano seta, pelle e maglia in un macro patchwork asimmetrico – di colori e stampe. © Riproduzione riservata