Tanto poté un concerto dei Kraftwerk. Gli antesignani della musica elettronica ispirano ad Alessia Giacobino una collezione Jo No Fui molto riuscita, che sublima dettagli tecno-punk nel rigore della silhouette. Nella scelta dei materiali la pelle nera ha un posto di primo rilievo, sotto forma di chiodo, pantaloni recisi alla caviglia, gonnine vertiginose, baveri macroscopici che si sovrappongono al soprabito dilungato; fino al caso della tuta effetto-puzzle, dove si combina con quadrotti cernierati di camoscio e vinile. S'insiste, e molto, sulla sovrapposizione di volumi e lunghezze. L'abito a uovo cortissimo si permette robuste maniche bombate, il cappottone a pavimento va a braccetto con i pantaloncini multitasche, il pullover sprofonda in una casacca che ammanta le cosce. C'è anche della pelliccia, vero culto della prossima stagione invernale, in tarsie policrome e profili in technicolor. E gli effetti al neon tanto cari all'estetica della band? Vanno ricercati nel luccicore dei cristalli sull'organza e nei ricami dorati dei completi da sera.

© Riproduzione riservata