Gigantografie da lookbook e una video proiezione in loop fanno da sfondo alla presentazione di Jean Paul Gaultier nel suo quartier generale parigino. Trovata funzionale per una collezione che procede come per fotogrammi e giustapposizione di temi. Vedi l'inossidabile riferimento marinaro, che alle consuete righe affianca una maglia in rete da pescatore spingendosi nell'azzardo creativo, e le screziature digitali sulla quadrettatura sghemba delle stampe. Altrove si alternano pannellature floreali e tipici motivi da foulard, a movimentare un disegno che ama il gioco delle sovrapposizioni. Il trittico ricorrente è infatti costituito da giacca oppure parka su bermuda, meglio se indossati sui leggings. Non mancano tuttavia proposte di kilt e dettagli bizzarri come la baschina sui pantaloni e le traforature che scoprono losanghe di pelle nuda. Miscellanea in libertà, nello spirito più autentico dell'enfant terrible per antonomasia.

© Riproduzione riservata