Si parte da una tavolozza di calori naturali sulla passerella di Issey  Miyake per la primavera estate 2012, beige, nude, panna, illuminati da  qualche giallo pallido, poi arrivano i colori audaci in contrasto sulle  basi ferruginose. I completi da giorno sono fatti da gilet e pantaloni al ginocchio,  giacche corte riprese e pantaloni a sigaretta, arrivano  gli shorts  portati con cappe pallide, le sciarpe di chiffon esagerate, le camicie  di seta movimentate dai tagli e dagli sbuffi.
La nudità è stratificata, i leggings hanno aperture, inserzioni  trasparenti, pennellate di colori, la seta danza sulla tuta con gli  harem pants, cappelli dalle forme insolite adornano il capo ridefinendo i  look. (Gaia De Vecchi)