Poliedrica la collezione di Christophe Lemaire per Hermès, un viaggio tra forme e colori che mutano repentinamente. Si comincia con un monastico bianco dalle forme ampie, lunghe gonne e tuniche, in testa un piccolo foulard in tinta a completare un look che sembra ispirato alla semplicità di altri tempi seppure con tessuti molto più sontuosi. Si cambia scenario con l'arrivo delle tonalità calde: arancio, bruciati, senape, beige e khaki. Capi in pelle, plissettati, abiti e giacche d'ispirazione asiatica si trasformano in un'eleganza avventurosa. Con il nero le forme e i motivi si fanno più geometrici e si inseriscono le stampe tipiche della maison, usate tuttavia per questa collezione con parsimonia. Si conclude con i toni del prugna, viola e del blu elettrico, giacche, blazer e maxi gilet scamosciati, al collo un rigido cerchio d'oro. (Erica Baldi)