Peter Dundas si é ispirato alle star del mondo musicale per la sua primavera estate Emilio Pucci; ci racconta di essere stato in contatto con molte di loro, e di averne tratto grande energia e creatività.

Lo streetwear e i forti richiami al mondo dello sport incombono sulla passerella, con i pantaloncini da basket, le giacche tipo parka, la tuta intera con zip, i tessuti metallici, la cintura con maxi fibbia, i jumpers e i leggings al ginocchio, tanto oro e tanto nero. Nonostante ciò sembri molto lontano dal mondo di Pucci, quello della Capri anni Sessanta e delle riconoscibili stampe colorate, Dundas mantiene il dna della maison grazie ai decori Masai che ricordano i tanto cari motivi optical, i top bustier con le gonne in jersey di seta drappeggiata, i mini abiti cortissimi e interamente ricamati.

Contenti tutti quindi, dai nostalgici affezionati del brand, a Beyoncé e Rihanna.