Una collezione interamente in bianco. Bianchi gli abiti, bianchi i capelli, bianchi gli eccentrici copricapi. “Concettuale e artistico” sono questi gli aggettivi che si associano immediatamente a Rei Kawakubo e allo stile Comme des Garçons. Che ci presenta straordinarie rivisitazioni di damine del Settecento dalle ampie gonne strutturate, dove le trame a cerchi concentrici che le sostengono diventano visibili, si sostituiscono anzi alle gonne stesse. E poi altre figure femminili evocate dal bianco: spose con il velo di pizzo sul volto, candide suore, sacerdotesse dai cappucci a punta. Sorprendono la ricchezza dei materiali e l'accuratezza delle decorazioni come le rose tridimensionali applicate sulle spalle delle tuniche e dei soprabiti. Ai piedi stivaletti-galosce in pelle bianca, quest'ultimi portabili anche nella vita quotidiana non solo nel fantasioso e cerimoniale mondo nel quale ci ha trasportato Comme des Garçons. (Erica Baldi)