L’artigianalità è di casa da Bottega Veneta, come dimostra l’elaborata collezione primavera estate 2012, disegnata dal tedesco Tomas Meier. Infinite le minuziose lavorazioni di materiali pregiati impiegati quasi dappertutto. Un day wear raffinato che spazia da abiti con corpetto a combinazioni di blazer oversize e jeans, capo molto inusuale per questo marchio che, forse per la prima volta, viene proposto in passerella. Forte è la presenza della pelle, sia nelle giacche che negli abiti e negli inserti su numerosi capi. Gli abiti da sera invece risultano delicati e vaporosi, creati da numerosissimi strati in chiffon di tonalità tono su tono. I colori, accesi e saturi, vanno dal verde smeraldo al viola e al rosso per finire nel sofisticato nero d’ordinanza degli abiti da cocktail e da sera. Inutile dire che il punto di forza di questa collezione sono, come sempre, gli accessori, nei quali prevale una diversità di pellami di rettili e di vernice, trattati ed elaborati con sapienza per farli diventare quasi opere d’arte. (Diana Marian Murek)