Il fondoschiena dalle proporzioni architettoniche di Kim Kardashian, i capezzoli al vento di Rihanna. I riferimenti di Olivier Rousteing vanno a pescare nella piattaforma di Instagram, tra lo scurrile e il gioiosamente coatto. Ma la sua nuova collezione per Balmain non manca di fascino e disciplina, spostando il baricentro stilistico sul taglio. La pelle nuda c'è e si vede, nelle scollature da vertigine, nei reticolati che fasciano pericolosamente le curve, nella maglieria in nylon che lascia intuire i profili del corpo. Sensali le trasparenze, affidate alla mussola nelle gonne plissé, o con piglio più conturbante nei top dissezionati: solo una fascia sul seno, sulle scapole e sull'addome nient'altro che aderenti nastri di tessuto. I pantaloni? Svasati, percorsi da righe arcobaleno e scacchiere di colore alla Mondrian. Le tute da panterona, infine, luccicanti di cristalli, oscuro oggetto del desiderio per chi voglia togliersi anche solo lo sfizio di un selfie. Come farebbe Kim.

© Riproduzione riservata