La luce diventa protagonista assoluta sulla passerella milanese di Andrea Incontri: per la spring-summer 2015 il designer esplora galassie e mondi lontani dai quali scaturiscono bagliori iridescenti che si posano sui tessuti rendendoli freschi e fluidi. Le silhouette semplici celano in realtà costruzioni molto elaborate, fatte di contrasti tra lunghezze e texture differenti. Abiti dalle forme pulite ed essenziali si ripiegano su loro stessi come fossero origami, diventando i capi perfetti da mettere in valigia in vista di un viaggio. Senza dimenticare le jumpsuit a fiori o in chiffon trasparente con motivo a pois, da indossare con culotte a vista, o i costumi interi che evocano le dive anni '50 e la loro femminilità prorompente. Il tutto declinato su una palette che include, oltre al bianco e al nero, nuance intense come il viola, il blu, il rosa, il giallo e tocchi silver su inserti e applique preziose.