Ha un delicato sapore folk la sfilata spring summer di Alberta Ferretti. Sembra di vedere queste donne passeggiare per campi di grano, visitare le isolette Greche, o danzare musiche dell’est Europa. Una nuvola di abiti di chiffon bianchi, con ricami di fiori sul rosso e arancio, introduce il tema delle righe: gonne di taffetà o abiti di seta, nei colori caldi del fuoco e con un accenno di blu notte. Seguono le stampe, fatte di un ricco giardino floreale, o che sembrano dipinte a mano come l’abito di una matrioska, sul bianco, che distende e rilassa, o sul nero, che nella versione pizzo e trasparenze assume sfumature gitane. Sfilano i preziosi abiti da sera: morbidi, romantici, dalle tonalità di colore intense, lungo e bianco come una sposa di campagna, con il disegno effetto ventaglio, la gonna di tulle a balze con il piccolo top a contrasto, le silhouette fluide e i tessuti impalpabili, in grande stile Ferretti: un’inguaribile romantica.