In evidenza

Case piccole? No, compatte! Alla scoperta del compact living

Valentina Silvestrini

Da New York a Hong Kong, da Londra a Tokyo, minuscoli appartamenti sfidano i canoni delle abitazioni tradizionali. Ecco il compact living!

Quando la spazio abitativo a disposizione è limitato oppure costossimo – tipico è il caso di Manhattan – vivere in abitazioni al di sotto dei 40mq diventa la norma.

Le case compatte spingono proprietari o inquilini a sviluppare soluzioni ingegnose e intelligenti, riuscendo a ottenere il massimo da planimetrie complesse e da volumi improbabili, altrimenti di difficile gestione. Dare un’occhiata a queste mini dimore stimola la creatività e accende la voglia di riprogettare l’ambiente domestico.

Del resto, se è possibile ricavare il massimo in spazi così compatti, figuriamo altrove!


Più piccole delle case piccole

Multifunzionalità è una delle parole chiave del compact living. Ogni elemento può essere associata a più impieghi, in un’ottica di contenimento dello spazio e delle strutture. Una scala più offrire utili spazi contenitivi, ante scorrevoli possono diventare piani per il tavolo da pranzo all’occorrenza. Sempre nel rispetto della privacy e all’insegna della ricerca del comfort. pinterest.com/gravityhomeblog


Progetti creativi e su misura

Salvo rare accezioni, come elettromestici o lampade, nelle mini case i mobili tradizionali, ovvero quelli disponibili nei punti vendita tradizionali, vengono sostituiti da una vasta gamma di soluzioni salvaspazio, intelligenti e originali. Un esempio? Il vano scala compatto che diventa studio, libreria e armadio. pinterest.com/vinny985


Arredi sviluppati in altezza

Sedie pieghevoli, tavoli estendibili, mobili a scomparsa, arredi su ruote diventano autentici alleati nell’arredamento delle case compatte, nelle quali la creatività non conosce limiti pur mantenendo un aspetto sobrio e minimal. pinterest.com/brit


Il “monoblocco”, tutta la casa in una stanza

Arredi ultracompatti, progettati al millimetro, fanno spesso la “parte del leone” nell’arredamento delle mini case. Si tratta di moduli low-cost, spesso realizzati in legno con strutture portanti metalliche, che possono racchiudere armadio, struttura letto o relax, libreria, cassettiera. pinterest.com/inevitableisp


Armadi ingegnosi e capienti

Comfort, funzionalità ed estetica possono andare d’accordo con il compact living? Assolutamente sì, avendo cura di fare attenzione anche ad alcuni minuzie, come le maniglie che possono essere sostituite con mini aperture per evitare aggetti. pinterest.com/bcabrerobosch


Un richiamo all’essenzialità

Il compact living è sinonimo di riduzione degli spazi abitativi tradizionali, ma è anche una “filosofia” abitativa, un invito a riconsiderare bisogni, necessità ed esigenze legate al vivere contemporaneo. Si può evitare di accumulare oggetti in eccesso nel corso degli anni? Sposare la strada delle piccole dimensioni può tradursi nell’invito per intraprendere un nuovo percorso all’insegna dell’essenzialità e dell’armonia? pinterest.com/SundayM2014/


Outbrain
arredamentohome decor Leggi l'articolo su Grazia.it

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.