ITlifestyle | Tendenze

Nicola Briggs, "la dura del metrò"

0 
FULLSCREEN SHOW THUMBNAILS HIDE THUMBNAILS 2
Stile-di-vita/tendenze-lifestyle/Nicola-Briggs-la-dura-del-metro
  • NICOLA BRIGGS, "LA DURA DEL METRÒ"

  • Donne e Web BY

    Violetta Bellocchio

  • Da "ragazza tranquilla" a "protagonista involontaria di un film d'azione" il passo può essere brevissimo.  

    Prima che scattasse l'ora X, Nicola Briggs era un'anonima istruttrice di tai chi a New York. Una capace di badare a se stessa, ma che non correva rischi inutili. Poi ha preso la metropolitana e si è trovata davanti un esibizionista. Invece di girarsi dall'altra parte, lei ha fatto in modo che tutti i passeggeri sapessero cosa stava succedendo, ha chiamato il capotreno, e non se ne è andata finché non ha avuto la certezza che il responsabile sarebbe stato arrestato per atti osceni. E siccome questo accadeva nel 2010, uno dei presenti ha ripreso la scena col suo affidabilissimo videofonino e ha messo tutto su YouTube.  

    Un milione di visite più tardi, Nicola Briggs aveva un nuovo nome: the subway badass, "la dura del metrò". Forse il video ha avuto tanto successo perché a tutti piace vedere una donna minuta che si trasforma nell'Incredibile Hulk, forse perché nella foga lei stava sfornando una serie di tormentoni notevoli («IO SO QUELLO CHE HO VISTO!», «Oh yes! Oh fucking yes!»). Comunque sia, Miss Briggs ha usato bene il suo potere: ha dato lezioni di autodifesa alle lettrici di Jezebel , e poi si è unita alle donne di Hollaback , il portale con il sottotitolo "Voi avete il potere di mettere fine alle molestie per la strada". E' lì che oggi Nicola cura una rubrica tutta sua, dove ci offre consigli pratici su una varietà di argomenti, dalle emergenze - «cosa fare in caso di stalking» - alle seccature più banali - « cosa fare quando almeno metà dei colleghi maschi si ubriaca alla festa di Natale» .  

    Ma in quello che scrive è sempre il buon senso a trionfare: care signore, non state zitte perché avete paura di offendere qualcuno o di essere etichettate come rompiballe. A un certo punto le buone maniere vanno lasciate a casa.

  • Grazia.it